Federazione Nazionale Naturopati Professionisti
Benvenuti nel Sito della FNNP
Federazione Nazionale Naturopati Professionisti


Il sito ha lo scopo di dare voce a tutti coloro che si occupano e si interessano di Naturopatia, contribuendo a far conoscere l'operato e la figura del Naturopata.
Nelle nostre pagine web troverete informazioni sulla Federazione, sui dibattiti, sui convegni, sui sondaggi e su tutto ciò che fa parte del mondo della Naturopatia.
Il sito è gestito autonomamente e ha come obiettivo un dialogo costante tra le parti, permettendo una gestione di tipo collaborativo delle informazioni e delle risorse pubblicate.
Federazione Nazionale Naturopati Professionisti
cos'è la FNNP statuto struttura organizzativa attività il naturopata deontologia aspetti fiscali legislazione articoli iscriversi
 
 SEGRETERIA FNNP
 DEONTOLOGIA

home

FEDERAZIONE NAZIONALE NATUROPATI
PROFESSIONISTI

 

Sede Legale:
Via Vela 49
10129 TORINO


Tel. 338.7374338
segreteria@federnaturopati.org

mercoledì 9.00-12.00

(Clicca qui per saperne di più)

 

 

E' stato pubblicato il primo



CODICE DEONTOLOGICO DEI NATUROPATI ITALIANI

CONSULTA L'INDICE DEL LIBRO

di Rudy Lanza e Davide Vettorello – Edizione Verde Libri
Testo di 172 pagine

Per maggiori informazioni scrivere a presidenza@federnaturopati.org

 

Per il riconoscimento completo della professionalità degli operatori Naturopati e la distinzione dall’aspetto amatoriale della materia, la FNNP ha redatto il Codice Deontologico in cui viene definita la figura del Naturopata, gli ambiti di intervento e le pratiche utilizzate. Attraverso ciò si ha la sicurezza di una costante vigilanza affinché, nel rispetto degli utenti, i Naturopati adottino un corretto ed etico comportamento professionale.


Il codice deontologico DEI NATUROPATI ADERENTI ALLA F.N.N.P.
FEDERAZIONE NAZIONALE NATUROPATI PROFESSIONISTI

 

PREAMBOLO
La deontologia è quell’insieme di doveri e responsabilità a cui si sottopongono gli appartenenti a determinate categorie nell’espletamento della loro attività professionale.
Stabilire una propria identità, fornendo un servizio socialmente utile, rappresenta un atto di distinzione per ogni attività lavorativa.

· Il codice deontologico consente di individuare, codificare e sviluppare le conoscenze e le abilità specifiche per lo svolgimento di un’attività professionale.
· Le norme che lo costituiscono rappresentano anche la “regolamentazione” dei rapporti tra professionisti e la collettività che usufruisce delle loro prestazioni,a piena tutela di entrambi, quali singoli, organizzazioni sociali e professionali.
· La predisposizione di un codice deontologico e la sua revisione periodica sono atti di fondamentale importanza per lo sviluppo di una professione.
· Codificare le proprie conoscenze e competenze, nonché modalità operative ed abilità, significa svolgere dignitosamente l’attività professionale ponendosi anche precise regole morali.
· Seguire l’indicazione di regole, comportamenti e progetti, accettandone le validità, significa sentirsi rappresentati, sostenuti e, se necessario, difesi o redarguiti.

 

FEDERAZIONE NAZIONALE NATUROPATI PROFESSIONISTI

ARTICOLO 1
Il presente codice deontologico è composto da regole vincolanti per ogni naturopata il quale è tenuto alla loro conoscenza ed osservanza.
Il mancato rispetto di tali regole determina sanzioni di ordine disciplinare.

ARTICOLO 2
Coloro che utilizzano la definizione di Naturopata senza averne i dovuti requisiti professionali (rapportati a precisi e seri criteri di formazione didattica) , compiono un atto di grave scorrettezza nei confronti degli utenti e dei Naturopati regolarmente diplomati.

ARTICOLO 3
Il Naturopata ha il dovere di evitare ogni confusione di ruoli abusando di titoli di ordine strettamente medico o psicologico, qualora gli stessi non corrispondano ad una vera e propria appartenenza professionale regolarmente riconosciuta.

ARTICOLO 4
Il Naturopata, prendendosi cura, nell’ambito delle proprie conoscenze, dell’individuo nella sua totalità, considera suo preciso compito accrescere la conoscenza della persona utente in quanto tale, nella sua completezza psicofisica, con l’intento di migliorarne la qualità dello stato di salute, attraverso una relazione che ne accresce la capacità di riequilibrio e mirando innanzitutto alla prevenzione della malattia organica.

ARTICOLO 5
Il Naturopata, conscio del proprio compito di fornire una completa e specifica forma di consulenza per un programma di igiene di vita, impostata soprattutto su principi di prevenzione, anche in rapporto a condizioni nutrizionali ed ambientali, accetta la responsabilità dei propri atti professionali e delle loro dirette e prevedibili conseguenze.

ARTICOLO 6
Nell’esercizio della professione il Naturopata ritiene assolutamente illecito ogni atto, tecnica o parola che possa portare danno alla dignità della Persona.
Condannato l’uso di concetti di “normale” e “patologico” ai fini repressivi in campo sociale e politico, il Naturopata non opera alcun tipo di discriminazione in base all’estrazione sociale, al sesso di appartenenza, all’orientamento sessuale, all’etnia, alla politica, alla nazionalità, alla disabilità, allo stato socio-economico.

ARTICOLO 7
Il Naturopata è tenuto a mantenere un livello adeguato di aggiornamento e competenza a livello professionale. Competenza esperienza e formazione sono sempre presenti e curate in modo minuzioso con l’intenzione e il dovere primario di indirizzo verso l’aiuto delle Persone, senza peraltro sviluppare giudizi ed opinioni di sorta verso le stesse.
Riconoscendo i limiti della propria competenza, il Naturopata non impiega metodologie senza adeguato fondamento sperimentale e scientifico.

ARTICOLO 8
Il Naturopata salvaguarda la sua autonomia nella scelta delle metodologie e dei prodotti stessi, nonché della loro utilizzazione, dalle eventuali pressioni di case produttrici o di qualsivoglia veicolo di origine pubblicitario.

ARTICOLO 9
Il Naturopata non deve utilizzare alcuna forma pubblicitaria atta ad ingannare l’utente circa la possibilità che l’intervento naturopatico possieda sullo stato psico-fisico di un individuo.
Parimenti non avvalla con il proprio nome ed il proprio titolo professionale attività ingannevoli, ma il dovere di offrire la propria professionalità a livello collaborativo nel rispetto delle altrui competenze.

ARTICOLO 10
Il Naturopata è strettamente subordinato al segreto professionale; pertanto non rivela notizie, fatti o informazioni personali degli utenti di cui può essere messo al corrente durante la sua attività.
Nei casi di collaborazione con colleghi o altri professionisti, può condividere solo le informazioni strettamente necessarie in relazione al tipo di collaborazione, comunque sempre nell’intento di migliorare la qualità dello stato di salute dell’utente. La segretezza di tali informazioni deve essere completamente protetta anche attraverso il controllo e la corretta custodia degli appunti, annotazioni, scritti o documentazioni di qualsiasi genere che riguardano l’attività ed il rapporto professionale, in piena osservanza delle norme vigenti in materia di privacy.

ARTICOLO 11
Il Naturopata si vieta qualsiasi tipo di condotta atta a nuocere alle Persone di cui si occupa e non utilizza il proprio ruolo per assicurare a sé o ad altri, indebiti vantaggi di tipo personale.

ARTICOLO 12
Il Naturopata è tenuto ad indicare, alla fase iniziale del rapporto, l’entità del compenso professionale, che dovrà essere adeguato alle prestazioni presumibilmente da svolgere.
Il Naturopata è tenuto a rispettare le indicazioni di ordine tariffario suggerite dalla Federazione Nazionale Naturopati Professionisti. In nessun caso il compenso potrà essere condizionato all’esito del risultato dell’intervento professionale, vietandosi altresì l’uso degli strumenti di valutazione di cui dispone.

ARTICOLO 13
Il Naturopata si impegna a favorire le via di comunicazione ed interscambio con i propri colleghi, favorendo altresì la formazione e l’aggiornamento professionale degli stessi con i quali mantiene rapporti ispirati ai principi della solidarietà, della lealtà e del rispetto. Sente inoltre, come sua precisa responsabilità , quella di favorire la diffusione delle sue conoscenze e della scienza naturopatica per scopi di benessere umano e sociale.

ARTICOLO 14
Il Naturopata valuta, nell’interesse della Persona, l’eventuale ricorso ad altre specifiche competenze di ordine specialistico o medico, fornendo l’eventuale consulenza richiesta senza pretendere né accettare compensi di alcun tipo per tali inviti.

ARTICOLO 15
Durante l’esercizio della professione e comunque venga rappresentata, a qualunque titolo, la professione stessa, il Naturopata è tenuto ad uniformare la propria condotta ai principi del decoro e della dignità professionale.

ARTICOLO 16
Il Naturopata si astiene dal rilasciare dichiarazioni false od ingannevoli concernenti la propria formazione o sugli effetti che la Naturopatia possiede sullo stato di salute psico-fisica della Persona.

ARTICOLO 17
Il Naturopata evita di assumere pubblicamente comportamenti scorretti finalizzati al procacciamento della clientela.

ARTICOLO 18
Il Naturopata svolge la propria attività in ambiti e situazioni che non compromettono la propria autonomia professionale e il rispetto delle norme deontologiche. Il Naturopata non svolge la propria attività professionale telefonicamente o a distanza.

ARTICOLO 19
Il Naturopata – a tutela dell’utente e della propria professionalità – contrasta l’esercizio dell’attività da parte di soggetti che non abbiano la formazione professionale idonea, informando tempestivamente la Federazione Nazionale Naturopati.

ARTICOLO 20
Le prestazioni nei confronti delle persone minorenni sono subordinate al consenso delle persone che esercitano la potestà genitoriale o la tutela.

ARTICOLO 21
Presso la Federazione Nazionale Naturopati è istituito il “Registro dei Naturopati” , elenco in cui vengono inseriti su domanda coloro che hanno conseguito un titolo idoneo all’esercizio dell’attività professionale attraverso un idoneo corso di studi.
Agli iscritti viene assegnato un numero di iscrizione.

ARTICOLO 22
Presso la Federazione Nazionale Naturopati è costituita la “Commissione di Controllo”, composta da cinque membri eletti dall’Assemblea della Federazione con durata in carica triennale, che ha la facoltà di verificare la sussistenza delle condizioni per l’esercizio dell’attività professionale da parte degli iscritti nel registro, nonché esercita i poteri sanzionatori di cui al seguente articolo, in presenza di accertate violazioni del codice deontologico.

ARTICOLO 23
La Commissione di Controllo può emettere – nei confronti degli iscritti nel registro – i seguenti provvedimenti disciplinari, previa audizione dell’interessato, al quale devono essere preventivamente comunicati i motivi di contestazione e consentito di essere assistito durante il procedimento da un difensore con diritto di esaminare gli atti, nonché di intervenire oralmente e per iscritto:
1) Richiamo orale;
2) Censura scritta;
3) Diffida;
4) Sospensione dal Registro e dall’attività professionale per un massimo di mesi sei;
5) Radiazione dal Registro con diffida all’esercizio dell’attività professionale.

ARTICOLO 24
Attraverso i predetti provvedimenti disciplinari è consentito ricorerre dinanzi all'autorità giudiziaria competente.